Nomina del Dott. Giorgio Squinzi a Socio Onorario aicap

Si riporta la motivazione con cui è stata conferita al dott. Giorgio Squinzi la Medaglia di Socio Onorario dell’Associazione in occasione degli Italian Concrete Days Giornate aicap 2016 Congresso CTE  il giorno 27 ottobre 2016, a cura del Consigliere Prof. Ing. Antonio Migliacci.

 

Giorgio Squinzi è un personaggio con interconnesse configurazioni manageriali, umane e sociali, sempre quale riflesso di valori morali fortemente radicati, soprattutto per le attività profuse nel campo imprenditoriale, ed anche per l’impegno dedicato allo sport nel ciclismo e nel calcio, nonché per il sostegno donato nel campo dell’arte.

Vediamo in breve le diverse “vite” di quest’uomo straordinario.

Nato a Cisano Bergamasco (BG) nel 1943, è dott. in Chimica Industriale alla Statale di Milano, milanese convinto e praticante.

E’ cofondatore col padre, nel 1970, della Mapei S.n.c. (che amplia l’attività precedente della ditta Mapei fondata nel 1937 dal padre stesso) assumendo, in particolare, la responsabilità dell’area ricerca e sviluppo tecnologico.

Nel 1976 con la costituzione della Mapei S.p.A. ne diventa Direttore Generale.

Nel 1978 inizia il processo di internazionalizzazione dell’azienda, fondando la prima organizzazione estera in Canada.

Nel dicembre 1984 diviene Amministratore Unico della Mapei.

Attualmente il Gruppo industriale è composto da 81 società di cui 9 società di servizi, con 70 stabilimenti produttivi di cui 9 operanti in Italia e gli altri nel resto del mondo, in 32 Paesi nei 5 continenti. Il fatturato consolidato del Gruppo nel 2015 è stato di 2,3 miliardi di euro. I dipendenti diretti sono quasi 9000.

Uno dei risultati più significativi raggiunti nella sua carriera imprenditoriale è quello di non avere mai effettuato licenziamenti per riduzione di organici e di non aver mai chiesto trattamenti di cassa integrazione.

E’ autore di numerosi articoli tecnici, pubblicati su riviste nazionali e internazionali. Parla correntemente inglese, francese, tedesco e spagnolo.

Nel 1989 è stato eletto Presidente del Technical Committee 67 WG3 “Adesivi per piastrelle ceramiche” del CEN – Comitato Europeo di Normazione.

E’ rappresentante italiano nel Technical Committee 189 ISO.

Il 7 dicembre 1996 è stato premiato dal Sindaco di Milano con l’Ambrogino d’oro per il suo impegno come imprenditore e sportivo a favore della città di Milano.

Il 6 aprile 1998 gli è stata conferita la massima onorificenza di Cavaliere di S. Gregorio Magno in Vaticano e il 2 giugno 1998 è stato nominato Cavaliere del Lavoro.

Il 21 dicembre 1998 è stato nominato “Commandeur de l’Ordre de la Couronne” in Belgio.

Il 10 dicembre 2002 il Politecnico di Milano gli ha conferito la laurea ad honorem in Ingegneria Chimica.

Il 4 dicembre 2006 ha ricevuto dal Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano il prestigioso Premio Leonardo Qualità Italia e il 5 giugno 2007 il Premio Barocco per la categoria “industriali”. Nel 2013 ha ricevuto dal Presidente della Repubblica l’onorificenza di Grande Ufficiale dell’ordine “Al merito della Repubblica italiana”.

Da giugno 2005 a giugno 2011 è stato nuovamente Presidente di Federchimica, Federazione Nazionale dell’Industria Chimica; di cui era già stato Presidente dal 1997 al 2003.

Da ottobre 2010 a settembre 2012 è stato Presidente del CEFIC (Associazione dell’Industria Chimica Europea), primo imprenditore di un’associazione presieduta da manager di multinazionali, cui aderiscono 29.000 Aziende che rappresentano un quarto della produzione chimica mondiale.

Da giugno 2011 a maggio 2012 è stato Consigliere Superiore della Banca d’Italia.

Componente del Consiglio Direttivo e della Giunta di Confindustria, è stato Vicepresidente con delega per l’innovazione e lo sviluppo tecnologico da luglio 2003 a maggio 2004; da maggio 2010 è Presidente del Comitato Tecnico con delega all’Europa.

E’ stato Presidente di Confindustria dal 2012 a maggio 2016.

Proprio questa poliedrica attività pare essere stata la ragione che ha spinto lo Squinzi ad interessarsi, con la sua sapienza manageriale, di team sportivi sempre insensibilmente rivolti alla vittoria.

Tutti sanno come nel ciclismo Mapei ha dominato il panorama internazionale, a cavallo tra il vecchio e il nuovo millennio, fino a che Squinzi ha deciso di prendere una posizione risoluta nei confronti del doping, uscendo dalle competizioni professionistiche.

Anche come conseguenza dell’anti-doping, per supportare quindi con un preciso approccio etico nonché con razionalità scientifica gli atleti di diverse discipline sportive, nel 1996 ha creato lo Sport Service Mapei di Olgiate Olona (VA).

Nel mondo del calcio, dopo la sponsorizzazione di Mapei alla Nazionale Italiana di calcio, vincitrice nel 2006 del Campionato del Mondo, siamo ora tutti spettatori del fenomeno Sassuolo Calcio (di cui è Patron lo Squinzi), che quest’anno gioca la quarta stagione del Campionato di Serie A e la prima stagione di Europa League con mirabili risultati.

L’attenzione che da sempre Giorgio Squinzi rivolge all’arte e alla cultura è un altro radicato credo personale, generato anche dalla Sua arte manageriale. Sotto questa luce si può leggere allora l’impegno di Mapei verso il Teatro alla Scala di Milano e verso il FAI (Fondo per l’Ambiente Italiano), e di Squinzi in particolare. Squinzi è infatti membro del board della Fondazione Teatro alla Scala di Milano e dell’Advisory Board of Salomon Guggenheim Foundation of New York in Venice.

Per questi motivi l’aicap è onorata di includere il nome del dott. Giorgio Squinzi nell’albo dei Soci Onorari dell’Associazione.

Prof. Ing. Antonio Migliacci

Consigliere aicap

foto1, foto 2, foto 3, foto 4, foto 5, foto 6, foto 7